Una messa: per chi mi ama

Vorrei celebrare una Messa” questa è stata la semplice e disarmante frase con la quale, don Francesco Cavazzuti, ha risposto alla richiesta di fare qualcosa di speciale per ricordare i trent’anni dell’attentato che lo ha reso cieco.

Così, domenica 27 agosto, presso la parrocchia del Corpus Domini alle ore 11, don Francesco celebrerà, con sulle spalle la stola dai colori dell’anno pastorale regalatagli dalla sua comunità al rientro dal Brasile, la “sua” Messa per dare un senso ad un colpo di fucile che gli ha cambiato per sempre la vita trent’anni fa, il 27 agosto 1987, nel pieno della sua attività pastorale e missionaria a sostegno delle famiglie dei “Senza Terra” in Brasile. Continua a leggere

Notizie dalla Siria: Ninive e Damasco

Aiuto alla Chiesa che soffre: la Piana di Ninive

Per questo progetto sono stati inviati 12.778,00 euro, offerte ricevute da parrocchie e da singole persone. Ecco la lettera di ringraziamento ricevuta da Padre Martino Serrano (Assistente Ecclesiastico ACS Italia)

Alessandro Monteduro (Direttore ACS Italia):

“Cari Benefattori, questa lettera giunga quale eco di gratitudine di coloro che hanno beneficiato del dono ricevuto da voi per sostenere la ricostruzione della Piana di Ninive. Come tutti sappiamo, non passa giorno, senza che in più parti della terra dichiarare di avere fede in Gesù non comporti conseguenze che, in alcuni casi, determinano anche l’uccisione di coloro che esprimono questa scelta di vita. Continua a leggere

C’é chi va, c’é chi viene

Nei prossimi giorni sono in arrivo, per il tradizionale periodo di riposo, due missionari.

Dalla Costa D’Avorio, suor Ambrogia Casamenti, arriverà il 28 giugno e si fermerà, per un paio di settimane, a Verona alla casa madre della Congregazione Figlie di Gesù a cui appartiene per gli esercizi spirituali, poi verrà a trovarci a Carpi.

I primi di luglio, dal Madagascar, arriverà il missionario Luciano Lanzoni e, poichè quest’anno potrà rimanere solo un mese, è già stato organizzato un’ incontro, presso la sede del Centro Missionario, per giovedì 20 luglio alle ore 21 nel corso del quale si parlerà del nuovo progetto per la realizzazione dei tre ambulatori per la fisioterapia dei disabili delle regione di Mananjary. Questo nuovo progetto andrà a sostituire il progetto di adozioni a distanza “Akanin’ny bimbo e adulto”. L’incontro è aperto a tutti.

GIOVEDI’ 20 LUGLIO ORE 21 – CENTRO MISSIONARIO: INCONTRO CON LUCIANO LANZONI

Grandi progetti per Carla Baraldi

La missionaria Carla Baraldi è rientrata dal Benin per un periodo di riposo. Come è nel suo stile, con queste poche righe, riesce a spalancare una porta su un mondo infinito di grandi povertà ma anche a testimoniare del suo grande amore per queste piccolissime creature, doni del Signore.

“Carissimi amici che ci seguite, sostenete, grazie di cuore perchè ci aiutate a realizzare tanti progetti per i bimbi orfani e malnutriti che vengono a bussare al nostro centro “Casa della gioia” di Pèrèrè in Benin. La nostra spesa più forte è l’ acquisto in Farmacia del latte di prima età per i nostri orfani piccolini che hanno perso la mamma durante o subito dopo il parto. Anche i bimbi malnutriti necessitano di cure molto costose e devono restare almeno un mese per avere in buon recupero.

Continua a leggere

Per la chiesa di Mendulo…

Da circa un anno e mezzo, la cooperativa d’inserimento lavorativo CCCTRUST in Malawi, creata da Anna Tommasi per il reinserimento lavorativo di ex detenuti, ha avviato la costruzione della chiesa a Mendulo.

Il progetto, fin dall’inizio molto grande, ha subito rallentamenti per mancanza di fondi. Lo scorso anno, da Carpi, erano state finanziate le finestre e le porte. Poi, per mancanza di fondi, il termine della parte in muratura ha avuto dei rallentamenti. Ecco il suo scritto….

CHIESA DI MENDULO

Carissima Magda,

finalmente trovo il tempo per scriverti.

Un paio di giorni fa siamo andati al Mulanje e ci siamo fermati a Mendulo per vedere i lavori della chiesa e direi che qualcosa si vede. Potrebbero andare avanti in fretta con un buon numero di operai, che già abbiamo, se ci fossero i soldi per pagarli a fine mese e comperare il necessario per il lavoro. Tra l’altro la settimana scorsa ho incontrato pure l’arcivescovo e anche lui mi ha chiesto di cercare aiuti per poter finire la chiesa. Continua a leggere

Il liceo Fanti per la Siria

I Rappresentanti d’Istituto del Liceo M. Fanti, mi hanno consegnato una prima offerta di 100 euro, raccolta con le attività del Gruppo Solidarietà dell’Istituto a sostegno degli studenti, loro coetanei, delle famiglie profughe presenti a Damasco.

Questo è un breve scritto inviato dalle suore…

Il numero delle famiglie rifugiate è in continuo aumento, a causa dei conflitti atroci che toccano diverse città e tanti villaggi sul territorio del paese.Le diverse situazioni di disagio che vivono le famiglie sono innumerevoli a causa della violenza del conflitto. Continua a leggere